Lenostrepaure – “Nessuno accanto”

55849457_2265068280237225_6078997187776217088_n

Nella mia città non succede mai nulla di bello, ma ci sono persone che sanno emozionare con una chitarra e qualche parola. E in quegli accordi c’è tutto quello che vorresti dire.

Lenostrepaure hanno scritto Nessuno accanto. Suonano da Brescia e raccontano di Firenze, di notti sospese ad aspettare un messaggio che non arriva, di sogni che tardano a realizzarsi. Ci sono i progetti grandi quando continenti, le piazze di tutta Italia da visitare e tante speranze. C’è anche quella solitudine sempre addosso, che non ti abbandona mai. La stessa che ti fa sentire solo anche tra sette miliarsi di persone.

Le sonorità della band viaggiano sull’emo melodico con sfumature post-rock, dolci e atmosferiche. Dai lavori precedenti hanno mantenuto quella dimensione cantautoriale che da sempre li ha contraddistinti. Quel modo di raccontare, con le parole e con gli accordi, i pensieri di ogni giorni è rimasto e in queste nuovi canzoni ha raggiunto una poetica forte, struggente. “Capelli corti” e “Bagnandoci” danno vita a immagini che si vivono con tutti i sensi.

Della mia città non c’è molto da dire, ma le persone che la vivono hanno sempre qualcosa da raccontare.

Annunci
Lenostrepaure – “Nessuno accanto”

Sam Pink, poetry, paintings & Skittles

This saturday is quite different.

I’m going on knowing american authors. It’s like I’m walking down the American streets, made of books and sharp words. I’m not sure I have the insurance.

Sam Pink has answered my questions. He writes books and paintings people. One of those faces could be you.

How did you start writing? I started writing things on coupons during lunch break at my job when I was younger. Eventually I started a blog and posted writing on it. NOt long after that someone asked about compiling it into a book.

How would you describe your style? I would describe my style as a shotgun shell full of Skittles.

Do people support your works? Yeah for sure. Overall people have been really supportive. People tell other people, or email me saying their friend made them read one of my books or something. Really cool stuff. People have been very very supportive. Without the audience, I wouldn’t have gotten anywhere. I was never on a huge press, or receiving any kind of formal promotion, so word of mouth, and people supporting me, has been basically 99% of my support. In that way, it has created a cool base of people because it’s not something you hear about on (x website, radio show/etc) but from a friend or someone you know. It has been kept a nice secret for a long time and I’m very thankful, every day, for the ways in which people have helped me.

What gives you the idea for your books? I’m not sure what gives me the idea for my books. I don’t mean to sound (whatever) but I’ve always felt like with writing, and especially visual art, that it all feels guided in some way. Like it’s coming from somewhere. And all I do is wrangle it a little and make sure it looks nice/clean.

IMG_20181214_104541_298

And where does “Rontel” come from? “Rontel” was my cat’s name. The idea to name a book was just a moment in which that seemed hilarious. The idea of the book itself was just theat I wanted to write a book that takes place within a day or so, and has an “odyssey” feel, even though there is very little, arguably, adventure. The “ideas” for my books are very loose and usually like “it’ll be about where I work” or “it’ll take place within a day” etc.

Sometimes people think that “big promotion” means “commercial”. Do you agree? Why do you think a big press doesn’t bet on you? Yes, I do agree. By definition, more promotion generally means more commercial. Being widely available/commercialized doesn’t mean your shit sucks, but it definitely means it has been commercialized. Promotions are commercials. Sometimes, the people who like your stuff promote you, they give mini commercials by saying to a friend, “hey read this” but anything above that, like ads/appearances on interviews/podcasts, and pretty much anything else you can think of, is paid for or arranged by a publisher, who has a commercial interest in you. I’m not exactly sure why a big publisher hasn’t helped me out, but I probably know. ultimately, it doesn’t matter. I didn’t get into doing this for that reason. I got into it to make things to share, which I have been doing, and will continue to do. Its behooves me to do anything I can on my own. I make a little money, and that’s cool, but I really don’t want a “big place” telling me what to do and “taking me on” because I’m a son of a bitch and it probably wouldn’t work out for them. I don’t paly nice when I don’t like a situation.

Have you got any fovourite author? I think ultimately, I don’t have a favourite author, but the book that probably did the most for me has been Aesop’s fables.

And what about your paintings? Who are all those faces? Who are the people you draw? The paintings and art are the same way. I just sit down and try some stuff, and if it provokes the reaction in me I’ve come to associate with “good” then that’s a success. I’ve noticed, much like with writing, that when I have a good sense of what is “good” in terms of their own work, the audience responds the same way. I’ve never felt strongly about something and then the reaction by the audience didn’t equate. I don’t know who the people I paint are, but I’ve found they often resemble the faces of people I know. Like someone’s face works its structure into the painting. Not necessarily important/close, but people I’ve definitely encountered.

IMG_20190414_132430

How much people influence your works? How much are they present in your paintings or writings? People influence my work a lot. I mean in some way, writing is necessarily always (even if you were the only character) about other people. Language is like an agreement between more than one person. In some way, I’m hoping that a certain arrangement of words/feelings/etc, transmits to another. It’s like teleportation but for different units of mass. People influence my work in more overt ways too, like simply being there to be turned into a character or added into a book. More so in writing than in art but like I said, I can almost always tell you, after the fact, the face that any given painting is based on. It just happens. I mean, it’s impossible for me to imagine almost any situation that doesn’t involve people, or isn’t influenced by them in some way. As I get older I realize the profound (not always good) impact people have. In fact, I’m trying to always go deeper and deeper into learning/unlearning/identifying how much of “me” or my behaviour is being influenced (not necessarily directly) by other eople. And the goal is to free myself from that while also not ignoring it.

IMG_20190411_002747_431.jpg

Follow Sam Pink on:

 

 

 

Sam Pink, poetry, paintings & Skittles

ZZ & Fato W – “Shinobi” EP

52883788_1222646267885265_1460057222988955648_n

L’unico stile di rap che dovrebbe sempre andare di moda è quello fatto bene. Il resto sono solo pensieri annoiati su Facebook, stories su Instagram con il solo scopo di dare visibilità a qualche youtuber che non ha ancora capito come utilizzare al meglio il proprio tempo. Questo vale in generale, ma vista la popolarità che da diversi anni a oggi ha acquisito il rap, è ora di mettere un po’ le cose in chiaro. E anche in questo caso è giusto che sia la musica a parlare.

Shinobi è il lavoro solista di ZZ, membro della crew bolognese OTM. Le strumentali sono firmate da Fato W che propone un sound decisamente fresco e d’impatto. Le sonorità appartengono a quella nuova ondata che mantiene allo stesso tempo un legame con la “vecchia scuola”, con le cosiddette “radici”. Gli scratch presenti nei pezzi “Shuriken” e “Ryu” ne sono un chiaro esempio, opere di RjD Django.

Ciò che colpisce maggiormente di questo EP sono le diverse influenze che si incontrano all’interno. C’è il groove. C’è la presa bene. C’è la strumentale che asseconda i pensieri dell’MC, da quelli più conscious a quelli che snocciolano punchline senza mai esaurirsi. ZZ dà prova di grandi capacità liriche, insieme a un flow vario e preciso. Le rime e gli incastri sono invidiabili a molti dei rapper che dicono di essere i soli a spaccare. Talvolta è quasi difficile stargli dietro.

L’EP di ZZ e Fato W è un esperimento uscito al meglio. OTM aveva già dato prova di essere un collettivo dinamico, pronto a viaggiare su flussi inesplorati e a proporli con grande personalità. Il risultato finale è degno di attenzione e capace di creare un interesse meritato attorno al progetto.

Questo è il rap fatto bene. Questo è il rap che dovrebbe andare di moda.

ZZ & Fato W – “Shinobi” EP

Riviera – Contrasto

a3491391705_10

Finalmente. Per diverso tempo ho continuato ad ascoltare un disco che mi ha fatto scoprire un genere nuovo, un modo diverso di parlare e suonare, dicendomi più di intere discografie. In auto e a casa, lo ascoltavo sempre.

Sono del parere che un album non debba essere qualcosa di forzato, qualcosa che serva solamente a dimostrare l’enorme quantità di idee partorite in sala prove ed apparire così super produttivi. Credo che debba scorrere, che debba essere spontaneo.

Questo è uno dei casi in cui l”attesa ha reso tutto più speciale, più vero. E sono bastate otto canzoni.

Finalmente, i Riviera.

Contrasto è il titolo della loro ultima fatica che, uscita una decina di giorni fa, ha fatto prendere un bel respiro di sollievo a molti ascoltatori. Serviva un disco del genere nel nostro panorama musicale? Sì, ovviamente sì.

Ritorna il loro stile, dolce e struggente, così sincero che ho faticato a ritrovare in molti altri ascolti. Dall’album omonimo del 2014 si ascolta una certa maturità, un’esperienza più profonda. Si ha davanti un uomo che non invecchia, ma diventa più forte perché imapara, forse, dai priopri errori. O semplicemente affronta ciò che ha davanti, sperando che tutto possa andare nel verso giusto, almeno per una volta.

I Riviera mi hanno sempre colpito per il tempismo delle parole. Capire quando cantare e quando lasciar parlare la musica non è cosa da tutti, ma a loro viene naturale. “Michele in bici” è quel pezzo che ferma tutto per un attimo, nonostante sembra sia in corsa. Ricordate “Calanchi“?

Notevole inoltre il contributo della voce degli Storm(o) in “Terrazzo“, si spera di sentire sempre più canzoni del genere.

Finalmente.

Riviera – Contrasto

Frana – “Awkwardwards”

a0001184189_10

Finalmente l’estate sta per finire e presto si tornerà ad ascoltare musica con l’aria triste dell’autunno. Anche se devo sinceramente ringraziare questo periodo perché mi fa sempre scoprire bellezze nascoste.

Tra queste c’è il nuovo disco dei Frana, band milanese di cui avevo già parlato all’uscita del loro split con gli Opiliones. Tornano con Awkwardwards, un album di undici pezzi che mostrano la nuova tappa segnata da questi ragazzi. Andiamo con ordine, più o meno.

La band dice che “suona forte e parla di cose a caso”. Ora, i brani sono tutti molto precisi e propongono un post-punk contaminato da sonorità noise rock che creano un effetto piacevole. Alcuni passaggi mi hanno ricordato l’atmosfera che si respira in molti dischi hardcore inglese. Non mancano le parti più intime e introspettive, vaporose come fantasmi. Ascoltare la canzone “Carbon paper ghost” per crederci.

I testi. Anche qui c’è quella vena non-sense che la band non nasconde. Eppure si incontrano versi, spesso semplici, ma di una bellezza struggente. E sì, queste piccole cose fanno la differenza.

Give me back the days I wasted trying

to pile some rocks and call that home

Riconosco una mia mancanza. Spesso non mi soffermo mai sulla copertina che dovrebbe meritare sempre una certa attenzione. In fondo, è parte del lavoro. E menzione speciale va a quella di questo disco, realizzata da Silvia Sicks, che riesce a riprendere perfettamente l’atmosfera che si ascolta. I colori, quella dimensione un po’ lisergica, i dinosauri, la strada che poi vola. Perfetto.

Voto alto, tanto alto.

Frana – “Awkwardwards”

La Petite Mort / Little Death – “Dear Reader..”

a4020750811_10

Voci dicono che la nuova stagione porterà tanti concerti in cui i protagonisti saranno gruppi davvero curiosi e che non si vedono spesso dalle nostre parti. Diciamo che questo potrebbe essere un piccolo indizio.

Si parte con una band tedesca, i La Petite Mort / Little Death e con il loro album Dear Reader... Nonostante il disco in questione risalga al 2015, suona più “fresco” di tanto materiale che esce costantemente.

Il gruppo propone sonorità screamo dirette, veloci e influenzate da diversi generi. Qualche intro presenta elementi post-punk, passando poi a parti più ritmate che ricordano i nostri affezionati Futbolìn, aggiungendo un tocco atmosferico che dà spessore al pezzo. Nel complesso si ascolta qualcosa di valido, di promettente anche dalla resa live. Si vuole ascoltare la stessa grinta e soprattutto quel bellissimo pezzo che si intitola “Paper Is Patient“. Questa canzone è entrata di diritto nella categoria “ascolti in loop fino a tempo indeterminato”.

Pagina Bandcamp: https://lapetitemortlittledeath.bandcamp.com/album/dear-reader

Non volevo spoilerare, davvero.

La Petite Mort / Little Death – “Dear Reader..”

Davide Mana, il fantastico vive ancora

Il mondo dei libri mi ha conquistato sin da quando ero bambino. Amavo, e amo tuttora, l’idea che in quelle pagine prendessero vita interi mondi in cui viaggiare, fare scoperte magiche e conoscere personaggi unici. Era la prospettiva concreta, tangibile, di una via di fuga che ricercavo e, nonostante le diverse letture, solo in particolari generi letterari sono riuscito davvero a trovarmi a mio agio. Come se mi cullassero meglio di altri.

Così è iniziata una ricerca quasi ossessiva che, purtroppo, mi riconduceva sempre ai soliti autori. Quelli di cui adesso si sentono, o si riscoprono, per le serie tv e per altri adattamenti, per intenderci. Volevo qualcosa di più.

Per muovere i primi passi ho deciso di fare alcune domande a chi ne sa molto più di me. E a chi rivolgersi se non a un autore che ha fornito dei veri e propri contributi al fantastico letterario? Davide Mana è quel tipo di scrittore lucido e attento, in grado di analizzare il panorama italiano e internazionale con gli occhi e la penna di chi non si rassegna e intende proporre sempre nuovi mondi.

Abbiamo parlato un po’.

38134333_2133528489994180_2858557690496417792_n

Iniziamo a toccare il nocciolo della questione. Cosa vuol dire scrivere del fantastico in Italia? Quali sono le difficoltà, gli ostacoli che si incontrano quando si propongono generi come l’horror, il fantasy, la fantascienzaNon credo che scrivere fantastico in Italia sia più facile o più difficile rispetto al’estero. In generale, tendiamo a scrivere ciò che ci piace, e ci piace ciò che leggiamo abitualmente, per cui è facile per un appassionato di narrativa di genere mettersi a scrivere narrativa di genere. Il mercato è estremamente ridotto, ma questo non è un problema del fantastico, ma piuttosto dell’editoria in generale: siamo un Paese in cui si legge poco, gli editori hanno pochi soldi da investire, gli autori non possono mantenersi con la scrittura. Esiste poi una certa resistenza a livello culturale, per cui un autore di narrativa fantastica deve venire sdoganato come “altro” per poter aspirare a uno spazio dignitoso. Da qui la fastidiosa abitudine di proporre al pubblico dell’onesta space opera specificando che “è fantascienza ma non solo…”, o il tentativo di vedere come “noir” anche del sano e normalissimo horror. Esistono persone che nel nostro Paese stanno facendo tantissimo per sfondare questa barriera culturale – penso al mio amico Franco Pezzini, che da anni fa opera di divulgazione sulla natura al contempo “alta” e “popolare” del fantastico – ma c’è ancora molta strada da fare.

38118470_10214101834234902_2052246764005621760_n

A cosa è dovuta questa tendenza di “spacciare” certi titoli horror per noir? Sbaglio o si sta assistendo a una riscoperta di questo genere? In generale, si cerca di spacciare quello che viene percepito (da chi? bella domanda) come un prodotto volgare e privo di valore per qualcosa di intellettuale e sofisticato. Etichette come “noir” o “weird” o “pulp” sono meglio, per chi fa marketing, dei rispettivi “poliziesco”, “horror” e “avventura”. La diretta conseguenza è che le etichette perdono significato – nel momento in cui tutto ciò che devo vendere diventa “noir”, il noir quello vero, che segue ben precise regole estetiche e ideologiche, scompare in una massa di qualunque cosa. In questo senso, non c’è una vera riscoperta del noir, o del weird, ma solo un uso a casaccio di una etichetta che “fa figo”. Ho visto Sherlock Holmes descritto come noir, ma anche Lovecraft – da persone che non hanno idea di chi siano David Goodis o Cornel Woolrich. È triste.

Il cinema ha una sorta di responsabilità in tutto ciò? Io non credo. Anzi, considerando l’enorme successo degli ultimi anni del cinema horror (sono horror tutti i maggiori incassi), sembrerebbe una buona idea far leva sul pubblico cinematografico, e rafforzare il legame fra letteratura e cinema. In realta è, io credo, un tentativo per allargare il mercato anche a coloro che l’horror lo rifiutano, ma magari sono appassionati di polizieschi, e sono ormai abituati a sentirli chiamare noir. Nel nostro paese, per fare un esempio, i primi romanzi della serie Nightside, di Simon R. Green – a tutti gli effetti degli urban fantasy con una forte componente orrifica – sono stati messi sul mercato come generici “thriller”.

Cosa manca allora all’Italia rispetto ad altri Paesi dove questi generi sono più affermati? Questo è il genere di domanda rispondendo alla quale si viene odiati. Ok, facciamoci odiare. Io continuo a credere che il bacino di lettori estremamente ristretto inneschi dei meccanismi perversi. Come dicevo sopra, pochi lettori significa pochi soldi, poca volontà di correre rischi (proponendo nuovi autori, italiani o stranieri), poche opportunità di sopravvivenza per chi scrive o traduce. Questo si traduce in un’offerta ristretta e poco diversificata. Un mercato più florido e vitale attirerebbe automaticamente anche altri lettori, e probabilmente l’attenzione della critica. Alla fine, insomma, è questione di soldi.

37992283_10214101834154900_8926029810275188736_n

Secondo te, che responsabilità hanno le case editrici in tutto questo? E i lettori? Continuiamo a fomentare l’odio. Io credo che siano tutti co-responsabili, autori, editori e lettori in egual misura ma in maniera diversa in generale per i motivi che abbiamo visto sopra. Tutti hanno le loro ragioni, e tutti insieme non stanno facendo bene a un mercato che è già di per sé zoppicante. Ma attenzione, non è tutto orribile. Esistono editori che corrono dei rischi, offrendo qualcosa di diverso (per non far nomi, Acheron BooksZona 42, i primi che mi vengono in mente), ed esistono autori che stanno provando a fare qualcosa di diverso (soprattutto nel campo del self-publishing), ed è bello vedere che esiste una fetta del pubblico che apprezza la novità e la varietà. Resta il fatto che ogni volta che un vecchio fan dice “piuttosto che leggere un romanzo nuovo, rileggo Asimov”, il fantastico nel nostro Paese muore un pochino. E al posto di Asimov potrebbe esserci Dick, o Lovecraft o Martin o King o uno qualunque di quella mezza dozzina di autori che sono fondamentali, ed è indispensabile leggere, ma stanno diventando ingombranti. Allo stesso modo, sarebbe bello se la si smettesse di considrare tutti gli autopubblicati come guano. Questo è un pregiudizio dtestabile. Esistono ebook autopubblicati che sono assolutamente esecrabili, è vero, ma non dovrebbero sottrarre attenzione alle cose molto buone che vengono pubblicate da molti autori/editori che sono estremamente professionali.

Come si potrebbe comportare qualcuno che decide di avventurarsi nel mondo letterario del fantastico? Avresti qualche consiglio? Avere un lavoro che gli permetta di pagarsi i conti, e imparare molto bene l’inglese, per provare a pubblicare all’estero. Tenersi aggiornato, leggere tanto e leggere qualunque cosa, e non avere paura delle idee storte, perché sono quelle su cui si costruiscono delle buone storie.

Domanda personale. Quali sono gli scrittori che più ti hanno influenzato? Sono tanti. In prima battuta, Fritz Leiber e Michael Moorcock, Tanith Lee e C. J. Cherryh. E Roger Zelazny. Sono autori che ho letto e che continuo a leggere e rileggere, e che ritengo valga la pena di studiare. Si impara di più dalla letteratura approfondita di un racconto di Leiber o di Zelazny che da un corso di scrittura creativa. Al di fuori del fantastico, certamente Raymond Chandler e John D. MacDonald.

Leggete, leggete ogni giorno.

Davide Mana, il fantastico vive ancora