Carlo Corallo, la Sicilia nei versi

0

Nei giorni scorsi ho letto qualcuno affermare che chi fa rap non può essere un cantautore perché non riuscirà mai a raccontare una storia in modo vero, poetico, intimo. Mi sono promesso che da grande non sarò mai come questo genere di persone.

Chiariamo. Sì, anche con il rap si può raccontare una storia che non contenga per forza sparatorie e borse piene di soldi. Anche con il rap si possono evocare immagini, luoghi, sapori e tradizioni che sono lontane dal nostro immaginario.

Una volta capito questo si può continuare.

Carlo Corallo torna con una nuova canzone dopo aver scritto un disco che continuo ad ascoltare e un EP dal titolo Dei Comuni con cui ho conosciuto una parte di Sicilia. Il Tradimento, canzone appena pubblicata, porta in tavola il sapore e il profumo degli agrumi e le chiacchiere dei paesani in lontananza che non tardano a dare la propria visione del mondo. E hanno ragione loro, dicono.

“Il Tradimento” è un titolo forte. A primo impatto sembra rimandare a una rottura, suona come se fosse irrecuperabile. Cosa ti ha portato a scrivere questo pezzo? Ho avuto l’imput iniziale per la scrittura de “Il Tradimento”, guardando il film “Le Fate Ignoranti” di Ferzan Özpetek. Da lì, ho deciso di creare una storia ambientata in Sicilia, in cui la moglie scopre il tradimento del marito da vari dettagli, quale l’assenza di alcune arance a tavola, alimento che il marito non puó mangiare. La donna, così, decide a sua volta di tradirlo con una collega. I rispettivi tradimenti creeranno un equilibrio nella coppia, più che una rottura. Il racconto si chiude chiedendosi se questo tipo di rapporto possa corrispondere all’amore vero, celando il dubbio in una similproposta di matrimonio. E questo forse è l’unico accenno ad una possibile rottura.

Ritorna la Sicilia e non fa solo da sfondo. Sembra agire, creare le situazioni che racconti. La nuova canzone continua un po’ il lavoro iniziato con “Dei Comuni“? Ho scelto la Sicilia come scenario perché in essa è presente ancora una grande cura della tradizione. Volevo paragonare l’amore tradizionale, ricco di valori e di anniversari, che potremmo definire “l’amore dei nostri nonni”, all’amore fast food di oggi, fatto di Tinder, di “ciao, grazie” e di razionalità. Personalmente, sono favorevole ad entrambe le formule, perché quando c’è affetto tra due persone va sempre bene, che duri mezz’ora o 30 anni. Mettere a confronto questi mondi così diversi è il vero fulcro del brano, da interpretare sia con serietà che ironia. Direi che il brano si distacca dai racconti precedenti di “Dei Comuni” in quanto a sound, ma in un certo senso ne rievoca i luoghi e le sensazioni in ambito descrittivo.

Farà parte di un lavoro più grande? Nel prossimo futuro mi dedicheró a fare uscire singoli, guidati da un unico filo conduttore: strumentali al pianoforte, caratterizzate da un suono più “orchestrale” e meno elettronico. Questa scelta rende maggiormente stimolante cimentarsi con la scrittura e con la tecnica in particolare, essendo più difficile scrivere slegandosi da una batteria che scandisce il tempo, tipica dei pezzi rap. Esprimersi in questo modo rende la parte rappata, quasi parlata e ció facilita l’ascoltatore nella comprensione. È come se un amico gli raccontasse una storia di persona. Potrebbe essere interessante riunire questi pezzi in futuro.

Ascoltate “Il Tradimento”. E dite agli amici che il rap non è solo un video fatto bene su YouTube.

 

Annunci
Carlo Corallo, la Sicilia nei versi

La Petite Mort / Little Death – “Dear Reader..”

a4020750811_10

Voci dicono che la nuova stagione porterà tanti concerti in cui i protagonisti saranno gruppi davvero curiosi e che non si vedono spesso dalle nostre parti. Diciamo che questo potrebbe essere un piccolo indizio.

Si parte con una band tedesca, i La Petite Mort / Little Death e con il loro album Dear Reader... Nonostante il disco in questione risalga al 2015, suona più “fresco” di tanto materiale che esce costantemente.

Il gruppo propone sonorità screamo dirette, veloci e influenzate da diversi generi. Qualche intro presenta elementi post-punk, passando poi a parti più ritmate che ricordano i nostri affezionati Futbolìn, aggiungendo un tocco atmosferico che dà spessore al pezzo. Nel complesso si ascolta qualcosa di valido, di promettente anche dalla resa live. Si vuole ascoltare la stessa grinta e soprattutto quel bellissimo pezzo che si intitola “Paper Is Patient“. Questa canzone è entrata di diritto nella categoria “ascolti in loop fino a tempo indeterminato”.

Pagina Bandcamp: https://lapetitemortlittledeath.bandcamp.com/album/dear-reader

Non volevo spoilerare, davvero.

La Petite Mort / Little Death – “Dear Reader..”

Lollollo Festival, se non vieni sei malamente

36585230_1816127668452823_5329039788441862144_n

Il 14 luglio si avvicina e questo significa una sola cosa: Lollollo Festival.

Finalmente sta per arrivare la prima edizione di qualcosa che a Brescia, purtroppo, ancora non si era visto. E non si tratta solo di musica, di birrette e di cose matte da scoprire.

Silvio, uno degli organizzatori, racconta di questa nuova situazione, del lavoro e della passione che fanno nascere certe bellezze.

Iniziamo a capire qualcosa in più di quello che avete organizzato. Da quali esigenze nasce il Lollollo Festival? Il vero motivo principale è che sono vecchio. E che dopo quindici anni a vedere festival in tutta Italia (svariate edizioni di antimtvday, Rottura del silenzio, Italian party e tanti altri che a cui ho – abbiamo – partecipato negli anni) mi sono reso conto che la cosa più figa di queste situazioni è sempre stata ritrovare amici da tutta Italia. Magari questa volta vengono loro da me.

Come sono nate le realtà che lo organizzano? Le tre realtà che organizzano questa edizione (siamo aperti a nuove collaborazioni in futuro, anzi, speriamo altri giovani ci aiuteranno già quest’autunno) sono molto diverse tra loro. La Muori dischi è un’etichetta indipendente collegata a uno dei gruppi del festival, i Buskers, che sono nostri grandi amici da anni. Gli Hooligans’n’Roses sono uno dei miei gruppi. Al momento, l’unico dei miei gruppi. E non vorrei peccare di mancanza di modestia, ma IL MIGLIOR GRUPPO SULLA SCENA NAZIONALE ODIERNA. Non ringrazierò mai abbastanza Elia per questa idea che si è inventato qualche anno fa. Brescia Molesta invece non è nulla, solo un gruppo di persone. Nell’ambiente “alternativo” qualcuno lo chiamerebbe “collettivo”, forse. In realtà si tratta solo di un gruppetto di amici che ha sempre viaggiato per vedersi concerti ovunque. Con grandi quantità di alcool al seguito, anche in forma solida come sapranno i seguaci delle caramelline di Krystian (fun fact: mi ha rubato l’idea, che avevo letto su internet. E l’ha portata a un altro livello). Ormai alcuni dei componenti vivono in giro per l’Italia o l’Europa (sì, Giordy e Krystian, sto parlando di voi) o hanno messo su famiglia. E forse il festival è anche un modo indiretto per ricreare quelle situazioni che abbiamo vissuto insieme mille volte e che adesso mi mancano. Un giorno riusciremo a organizzare una roba così figa che anche loro torneranno a vederla. Ci tengo a ringraziare alcune realtà bresciane che si sono dimostrate volenterose nel darci un aiuto concreto per la realizzazione del festival: Pixel, Officine Musicali, Black Rose Tattoo e Zero&Zero Shop. Si tratta di attività gestite da ragazzi (chi più, chi meno) i quali hanno dimostrato (anche in passato) di avere a cuore la vita culturale della nostra città. Perché sì, la musica è cultura, è aggregazione e, spero, un sacco di birrette vendute per pagare la prossima edizione.

36975679_10216900121244113_4185701317945065472_n

Di cosa ha bisogno Brescia a livello musicale? Di apertura mentale. Che detto da me può far ridere chi mi conosce. Nel 2010 ho scritto una canzone sull’argomento. Si chiamava “uccidere Obertini” e forse il titolo ha fatto in modo che venisse travisata leggermente. Comunque mi piace pensare che la differenza fondamentale tra il nostro festival e le altre serate della provincia è che abbiamo chiamato solo gente con cui abbiamo un rapporto di amicizia nato spesso in altri concerti. Lo volete chiamare mafia? Io la chiamo “umanità”, e questo secondo me manca spesso e si vede. Per farla breve e incompleta: se mi fai parlare col booking, da me non suoni.

Cosa si deve aspettare il pubblico da questo festival? Spero riesca a divertirsi anche solo un decimo di quanto mi diverto io nei festival di cui ho parlato prima. E che sia uno stimolo per salire in macchina per andare a un concerto. Se poi siete così presi bene da volerci aiutare, proponetevi.

E cosa si deve invece aspettare dal “gruppo segreto”? Di tutto e di più. È una “creazione” di Elia, io non so chi siano i componenti né cosa suonino. Spero ci sia almeno del sano stage diving. Un’ultima cosa: scusate per tutte queste parentesi.
Mi piacciono le parentesi.

Partecipare e supportare questo genere di realtà è un primo passo verso momenti di musica, di condivisione, di festa. Solo così gli spazi che viviamo possono tornare a proporre manifestazioni valide e avvicinare nuove persone e nuove idee.

Venite tutti.

Nel comunicato stampa del festival trovate anche tutte le band che suoneranno. Iniziate a imparare le canzoni.

Lollollo Festival, se non vieni sei malamente

Lollollo Festival

Segue comunicato stampa.

ole e e e e e e

La M.U.O.R.I. DischiBrescia Molesta e il gruppo Hooligans’n’Roses sono lieti di presentarvi il LOLLOLLO FESTIVAL.

Dopo le varie esperienze dirette come spettatori e come co-organizzatori di vari festival nel panorama musicale bresciano e non, queste tre realtà con dei nomi un po’ curiosi (un’etichetta indipendente, un collettivo che sostiene la buona musica e un gruppo musicale), si sono rese conto che mancava un festival e un’iniziativa musicale che rappresentasse i loro gusti. E da qui nasce quello che è il loro slogan:

“Visto che il festival che vorremmo non c’è, ce lo facciamo da soli”

Il LOLLOLLO FESTIVAL vuole dare visibilità alla realtà musicale bresciana underground e contemporaneamente portare a Brescia gruppi che, oltre ad avere un contatto umano, vero e diretto con gli organizzatori, il pubblico delle nostre zone non ha occasione di vedere e sentire spesso. Da Modena, Milano, Mantova e Brescia si alterneranno sui due palchi allestiti al Portobello Road Pub (una delle poche realtà che sostiene la musica in zona): LabradorsChampaaagneTacobellasMonsieur Gustavo BiscottiMalkovicAvocadozHooligans’n’RosesThe Buskers con l’intento di creare una nuova realtà, una nuova musica e una nuova dimensione per i musicisti che vogliono portare le proprie idee e la loro musica in giro per lo stivale. Missione impossibile? Secondo gli organizzatori è solo l’inizio; l’inizio di qualcosa di bello e sicuramente interessante.

 

Questo è l’invito che il LOLLOLLO FESTIVAL fa a tutte le persone che sono curiose, che amano la musica e che sostengono chi fa la Musica, quella vera.

Il Portobello Road Pub di Manerba del Garda è da anni punto di riferimento per chi vuole conoscere e apprezzare nuove sonorità, ed è stata la scelta naturale per la prima edizione di questo festival.

Il 14 luglio, dalle 18.30 fino a mezzanotte troverete questa buona musica, cibo, birra e ottime persone con cui potervi godere il LOLLOLLO FESTIVAL.

BANDE MUSICALI CHIAMATE IN CAUSA:

Labradors – Champaaagne – Avocadoz –  Tacobellas – Malkovic

SUPPORT:

Pixel Brescia – Zero & Zero Shop – Officine Musicali – Black Rose Tattoo Studio

Lollollo Festival

Primo Maggio Rock! Festival 2018

logo baccano

PRIMO MAGGIO ROCK! FESTIVAL – LENO (Brescia)

http://www.associazionebaccano.it

http://www.facebook.com/pages/Primo-Maggio-Rock-Festival-Leno-Bs

Leno (BS), via Martin Luther King (Area ex-ippodromo Gino Vaia)

Entrata Gratuita

I CONCERTI

30 Aprile – dalle ore 21.00

PIETRO BERSELLI (Padova/Brescia)

PHILL REYNOLDS (Venezia)

1 Maggio – dalle ore 16.00

NARCOVAND’AGIO (Brescia)

GIVE VENT (Modena)

BUZZØØKO (Mantova)

FREEZ (Vicenza)

FUTBOLÍN (Verona)

THE PHYSICS HOUSE BAND (Brighton, UK)

Il Festival

Compie diciotto anni il Primo Maggio Rock! Festival di Leno, uno degli eventi musicali più longevi del territorio bresciano. Attivo dal lontano 2000, propone ancora una volta due giornate di musica live ad ingresso gratuito nella splendida cornice del parco comunale Gino Vaia, area ex-ippodromo di Leno (BS).

L’Associazione Baccano

Festeggia invece il decimo anno di attività l’Associazione Baccano, alla direzione del  Primo Maggio Rock! Festival dal 2009 e presente sul territorio lenese anche con altre iniziative quali il concorso per band under 21 IncontraRock e l’orto condiviso L’ho Fatto Bio.

Il programma 2018

La festa avrà inizio la sera del 30 Aprile e continuerà durante tutta la giornata del 1° Maggio.

30 Aprile

Il 30 aprile l’evento inizierà alle 18.00: per gli avventori sarà possibile godersi un aperitivo nel prato e cenare con in sottofondo una selezione musicale eclettica a cura del resident DJ BICIO. A seguire PIETRO BERSELLI, cantautore bresciano dalle sonorità post rock, che per l’occasione proporrà in uno show acustico i brani dell’album “Orfeo l’ha fatto apposta“. Spetterà poi allo storyteller PHILL REYNOLDS il compito di continuare questa serata cantautoriale. Dietro a questo nome si nasconde Silva Cantele, già chitarrista di Miss Chain & the Broken Heels e autore di brani dalla forte impronta folk e blues, rimescolati in un sound contemporaneo tra Micah P. Hinson e il primo Bon Iver.

1 Maggio

La festa proseguirà nel pomeriggio del Primo Maggio con la possibilità di pranzare in loco dalle 12.00 e l’apertura della MOSTRA!MERCATO. Sarà questa seconda giornata a dettare ancora una volta la linea più elettrica del festival che vedrà sei diversi artisti darsi il cambio sul palco.

Ad aprire le danze sarà il trio bresciano NARCOVAND’AGIO, pronti a suonare il loro nuovo album in uscita proprio a Maggio. Gli amanti di cambi di tempo e sonorità in continua evoluzione avranno modo di apprezzare il loro post punk sperimentale. A seguire il folk punk di GIVE VENT, cantautore modenese che all’attivo conta un EP e un disco, entrambi rilasciati da diNotte Records. Scalderanno i motori in attesa della serata i BUZZØØKO, noise blues alla Jesus Lizars, autori di un live infuocato in grado di reggere il confronto con i migliori One Dimensional Man (quelli di “You Kill Me”). A un anno di distanza dal loro primo album “Giza” i mantovani contano un numero non indifferente di live grazie ai quali hanno fatto conoscere il proprio sound in tutta Italia. Chiudono i concerti pomeridiani i FREEZ, giovanissima garage rock band di Schio (Vicenza) che potrebbe essere la vera sorpresa del festival. Reduci da un tour francese, vengono dipinti dalla critica come la nuova voce dello Slacker Rock italiano.

Nella serata il ritmo non accennerà a rallentare. Aprono le danze i FUTBOLÍN, autori di sonorità screamo post punk targate Verona. A gennario 2018 hanno pubblicato la loro seconda fatica, dal titolo “Shy Guys, Malmo Days” con la quale hanno ottenuto un sound più elaborato, mantenendo però la firma che li contraddistingue. Saranno sul palco del Primo Maggio Rock! Festival reduci da un tour che li condurrà in tutte le maggiori capitali europee, da Berlino a Parigi, da Milano ad Amsterdam.

Clou della serata ed attessimo evento di questa edizione sarà l’esibizione dei THE PHYSICS HOUSE BAND, da Brighton (UK). La band ha all’attivo due album, di cui l’ultimo da poco ristampato in una versione deluxe per il World Record Store Day. Dopo aver portato la propria musica in tour accanto a nomi del calibro di Alt-j, Jaga Jazzist e 65daysofstathic, il trio farà tappa a Leno prima di salire sul main stage di diversi eventi internazionali. Il The Guardian li ha definiti “la tempesta perfetta di rock, prog, psych, cosmic, tech metal e jazz fusion”. Giovanissimi e in grado di creare un live prorompente che ha stupito gli addetti ai lavori dei principali festival europei, il loro sound è in grado di mettere d’accordo i vecchi fan del jazz fusion alla Mahavishnu Orchestra, gli appassionati del math rock più rumoroso e i fan dei Mars Vota. “The first rule of The Physics House Band is there are no rules” (The Indipendent).

Non solo musica

Oltre alla proposta musicale verranno allestiti gli abituali stand gastronomici (cucina, bar e birreria) e la mostra mercato in cui saranno presenti stand di prodotti handmade, vintage, libri e musica. Anche quest’anno viene rinnovata la collaborazione con Pianeta Filofilo che proporrà una gustosa selezione di piati vegani e vegetariani e con Mister O per la preparazione di cocktail e aperitivi.

Primo Maggio Rock! Festival 2018

So Long – “So Long”

a3618124120_10

Se c’è qualcuno che non ha mai sbagliato a consigliarmi qualcosa di bello da ascoltare, quello è proprio Fabio. Quando a un concerto leggerete “È un brutto posto dove vivere” vorrà dire che non poteva capitarvi cosa migliore.

Per gli amanti dell’emo, di quel punk intriso di emozioni e in grado di trascinare i ricordi, i So Long sono una band da non lasciarsi scappare. Provenienti da Cesena, a ottobre 2017 pubblicano un disco omonimo, il quale funge da manifesto del loro percorso.

Le sonorità sono dolci e si crea subito un vortice emotivo che guida l’ascoltatore per tutta la durata dell’album. Si viene catturati già dal primo accordo e con il secondo si spera che quei suoni non finiscano mai. La sensazione è quella di correre lungo una strada e ai bordi si vedono scorrere i ricordi e quei momenti che, anche volendo, non riusciremo mai a dimenticare.

I So Long sono una bella sorpresa, di quelle che sanno come accompagnarti nelle giornate in cui tutto sembra un po’ più spento del solito.

So Long – “So Long”

Submeet – “Submeet”

a1496307203_10

Credo che in questo periodo molti provino a essere “post-qualcosa”, talvolta scadendo in musica banale e insapore. Che poi è sempre facile fare gli alternativi del momento, ma quando si parla di fatti sono pochi a reggere il gioco. Va bene la riscoperta e il riadattamento di un certo suono, ma ciò non toglie che non debba esserci personalità in quello che si sta suonando.

Bisogna volere bene alla propria musica, no?

Lo spazio è tutto per i Submeet e per il loro EP omonimo uscito a ottobre del 2017. Il lavoro è composto da cinque pezzi sull’onda post-punk, noise rock, tutti caratterizzati da una personalità distinta, intima. A questo bisogna aggiungere uno sfondo shoegaze e per gli amanti del genere è subito amore. Finalmente.

L’ascolto scorre fluido tra quelle distorsioni catartiche e la batteria che pulsa sotto e guida il ritmo senza mai annoiare. La melodia conferisce maggiore voume all’atmosfera e la voce è come un tuffo nel passato. Ci si muove che quasi si finisce a ballare, con una certa nota malinconica.

Se questo è solo l’inizio allora si aspetta con grande curiosità il futuro della band che sembra promettere davvero bene.

Submeet – “Submeet”