Lenostrepaure – “Nessuno accanto”

55849457_2265068280237225_6078997187776217088_n

Nella mia città non succede mai nulla di bello, ma ci sono persone che sanno emozionare con una chitarra e qualche parola. E in quegli accordi c’è tutto quello che vorresti dire.

Lenostrepaure hanno scritto Nessuno accanto. Suonano da Brescia e raccontano di Firenze, di notti sospese ad aspettare un messaggio che non arriva, di sogni che tardano a realizzarsi. Ci sono i progetti grandi quando continenti, le piazze di tutta Italia da visitare e tante speranze. C’è anche quella solitudine sempre addosso, che non ti abbandona mai. La stessa che ti fa sentire solo anche tra sette miliarsi di persone.

Le sonorità della band viaggiano sull’emo melodico con sfumature post-rock, dolci e atmosferiche. Dai lavori precedenti hanno mantenuto quella dimensione cantautoriale che da sempre li ha contraddistinti. Quel modo di raccontare, con le parole e con gli accordi, i pensieri di ogni giorni è rimasto e in queste nuovi canzoni ha raggiunto una poetica forte, struggente. “Capelli corti” e “Bagnandoci” danno vita a immagini che si vivono con tutti i sensi.

Della mia città non c’è molto da dire, ma le persone che la vivono hanno sempre qualcosa da raccontare.

Annunci
Lenostrepaure – “Nessuno accanto”

Sam Pink, poetry, paintings & Skittles

This saturday is quite different.

I’m going on knowing american authors. It’s like I’m walking down the American streets, made of books and sharp words. I’m not sure I have the insurance.

Sam Pink has answered my questions. He writes books and paintings people. One of those faces could be you.

How did you start writing? I started writing things on coupons during lunch break at my job when I was younger. Eventually I started a blog and posted writing on it. NOt long after that someone asked about compiling it into a book.

How would you describe your style? I would describe my style as a shotgun shell full of Skittles.

Do people support your works? Yeah for sure. Overall people have been really supportive. People tell other people, or email me saying their friend made them read one of my books or something. Really cool stuff. People have been very very supportive. Without the audience, I wouldn’t have gotten anywhere. I was never on a huge press, or receiving any kind of formal promotion, so word of mouth, and people supporting me, has been basically 99% of my support. In that way, it has created a cool base of people because it’s not something you hear about on (x website, radio show/etc) but from a friend or someone you know. It has been kept a nice secret for a long time and I’m very thankful, every day, for the ways in which people have helped me.

What gives you the idea for your books? I’m not sure what gives me the idea for my books. I don’t mean to sound (whatever) but I’ve always felt like with writing, and especially visual art, that it all feels guided in some way. Like it’s coming from somewhere. And all I do is wrangle it a little and make sure it looks nice/clean.

IMG_20181214_104541_298

And where does “Rontel” come from? “Rontel” was my cat’s name. The idea to name a book was just a moment in which that seemed hilarious. The idea of the book itself was just theat I wanted to write a book that takes place within a day or so, and has an “odyssey” feel, even though there is very little, arguably, adventure. The “ideas” for my books are very loose and usually like “it’ll be about where I work” or “it’ll take place within a day” etc.

Sometimes people think that “big promotion” means “commercial”. Do you agree? Why do you think a big press doesn’t bet on you? Yes, I do agree. By definition, more promotion generally means more commercial. Being widely available/commercialized doesn’t mean your shit sucks, but it definitely means it has been commercialized. Promotions are commercials. Sometimes, the people who like your stuff promote you, they give mini commercials by saying to a friend, “hey read this” but anything above that, like ads/appearances on interviews/podcasts, and pretty much anything else you can think of, is paid for or arranged by a publisher, who has a commercial interest in you. I’m not exactly sure why a big publisher hasn’t helped me out, but I probably know. ultimately, it doesn’t matter. I didn’t get into doing this for that reason. I got into it to make things to share, which I have been doing, and will continue to do. Its behooves me to do anything I can on my own. I make a little money, and that’s cool, but I really don’t want a “big place” telling me what to do and “taking me on” because I’m a son of a bitch and it probably wouldn’t work out for them. I don’t paly nice when I don’t like a situation.

Have you got any fovourite author? I think ultimately, I don’t have a favourite author, but the book that probably did the most for me has been Aesop’s fables.

And what about your paintings? Who are all those faces? Who are the people you draw? The paintings and art are the same way. I just sit down and try some stuff, and if it provokes the reaction in me I’ve come to associate with “good” then that’s a success. I’ve noticed, much like with writing, that when I have a good sense of what is “good” in terms of their own work, the audience responds the same way. I’ve never felt strongly about something and then the reaction by the audience didn’t equate. I don’t know who the people I paint are, but I’ve found they often resemble the faces of people I know. Like someone’s face works its structure into the painting. Not necessarily important/close, but people I’ve definitely encountered.

IMG_20190414_132430

How much people influence your works? How much are they present in your paintings or writings? People influence my work a lot. I mean in some way, writing is necessarily always (even if you were the only character) about other people. Language is like an agreement between more than one person. In some way, I’m hoping that a certain arrangement of words/feelings/etc, transmits to another. It’s like teleportation but for different units of mass. People influence my work in more overt ways too, like simply being there to be turned into a character or added into a book. More so in writing than in art but like I said, I can almost always tell you, after the fact, the face that any given painting is based on. It just happens. I mean, it’s impossible for me to imagine almost any situation that doesn’t involve people, or isn’t influenced by them in some way. As I get older I realize the profound (not always good) impact people have. In fact, I’m trying to always go deeper and deeper into learning/unlearning/identifying how much of “me” or my behaviour is being influenced (not necessarily directly) by other eople. And the goal is to free myself from that while also not ignoring it.

IMG_20190411_002747_431.jpg

Follow Sam Pink on:

 

 

 

Sam Pink, poetry, paintings & Skittles

ZZ & Fato W – “Shinobi” EP

52883788_1222646267885265_1460057222988955648_n

L’unico stile di rap che dovrebbe sempre andare di moda è quello fatto bene. Il resto sono solo pensieri annoiati su Facebook, stories su Instagram con il solo scopo di dare visibilità a qualche youtuber che non ha ancora capito come utilizzare al meglio il proprio tempo. Questo vale in generale, ma vista la popolarità che da diversi anni a oggi ha acquisito il rap, è ora di mettere un po’ le cose in chiaro. E anche in questo caso è giusto che sia la musica a parlare.

Shinobi è il lavoro solista di ZZ, membro della crew bolognese OTM. Le strumentali sono firmate da Fato W che propone un sound decisamente fresco e d’impatto. Le sonorità appartengono a quella nuova ondata che mantiene allo stesso tempo un legame con la “vecchia scuola”, con le cosiddette “radici”. Gli scratch presenti nei pezzi “Shuriken” e “Ryu” ne sono un chiaro esempio, opere di RjD Django.

Ciò che colpisce maggiormente di questo EP sono le diverse influenze che si incontrano all’interno. C’è il groove. C’è la presa bene. C’è la strumentale che asseconda i pensieri dell’MC, da quelli più conscious a quelli che snocciolano punchline senza mai esaurirsi. ZZ dà prova di grandi capacità liriche, insieme a un flow vario e preciso. Le rime e gli incastri sono invidiabili a molti dei rapper che dicono di essere i soli a spaccare. Talvolta è quasi difficile stargli dietro.

L’EP di ZZ e Fato W è un esperimento uscito al meglio. OTM aveva già dato prova di essere un collettivo dinamico, pronto a viaggiare su flussi inesplorati e a proporli con grande personalità. Il risultato finale è degno di attenzione e capace di creare un interesse meritato attorno al progetto.

Questo è il rap fatto bene. Questo è il rap che dovrebbe andare di moda.

ZZ & Fato W – “Shinobi” EP

Dhole – “Dove mitigano i dubbi e nascono credenze”

a2776741645_10

Ultimamente i miei ascolti sono diversi dal solito. Variano in genere, in immaginari e non credo ci sia un filo conduttore che li lega. Inizio quasi a credere che si possa davvero ascoltare “di tutto”.

Tra i diversi generi, uno in particolare sta prendendo più spazio di altri. Sarò sentimentale o forse è a causa di questo marzo troppo caldo che mi confonde le idee sui vestiti, sulle cose da fare e su quelle da lasciare in parte. Forse perché è il mese in cui cresco di un anno o forse perché qualcuno fa musica come si dovrebbe. O almeno, come piace a me.

Ci siamo capiti. Marzo è il mese emo. E se avete amici tristi c’è una perla che dovete consigliare, per fare bella figura e per fargli capire che non è solo.

Dove mitigano i dubbi e nascono credenze è l’ultimo disco dei Dhole, band rivelazione e tra le più promettenti. L’album è uscito a novembre dello scorso anno e nessuno l’ha ancora tolto dal giradischi.

Sei canzoni e un mare di emozioni. Il disco è qualcosa di così intimo che non è facile descrivere. E anche i suoni, dolci e morbidi smuovono le acque del mare che ognuno ha dentro. Accompagnano la voce che si racconta all’ascoltatore, di cosa ha vissuto e cosa lo ha spinto a scrivere questa musica. Parla di dove sono nate le credenze e, forse, anche le incertezze.

Si ascoltano sonorità emo precise, calde. La band sperimenta nelle sfumature screamo, nei testi, risultando così un disco interessante sia per gli amanti del genere, sia per coloro che lo stanno conoscendo ora. Non c’è migliore inizio e migliore scoperta.

L’emo ci salverà.

Dhole – “Dove mitigano i dubbi e nascono credenze”

Quercia – “Di tutte le cose che abbiamo perso e perderemo”

a3328789930_10

Il secondo disco è sempre difficile, soprattutto se il primo è andato particolarmente bene. Posso solo immaginare le ansie, le incertezze, il peso sulle spalle che si avverte in quei momenti, quando provi i pezzi nuovi e non sai che pensare. Gli amici ti dicono che è tutto bello, ma non ti fidi mai. Vuoi qualcosa di più. Vuoi qualcosa che non ti soddisfa.

Da ascoltatore posso solo essere contento per quelle band che scopro agli esordi e ritornano di tanto in tanto con nuove canzoni da suonare. E succede, come in questo caso, che riesco ad amare ciò che il tempo, le esperienze quotidiane e la voglia di urlare siano d’aiuto per chi scrive. Mi considero un buon tifoso.

Il nuovo disco dei Quercia è stato uno dei più attesi sin da quando i ragazzi l’hanno annunciato. Non è vero che non ho più l’età ha fatto conoscere la band in tutta Italia, presentandola come una delle realtà più interessanti della scena musicale indipendente. Il lavoro di arrangiamento, scrittura ha confermato quanto la band fosse una ventata di aria fresca. Il tempo ha dato ragione ai loro sforzi.

Di tutte le cose che abbiamo perso e perderemo presenta atmosfere più buie rispetto al primo lavoro della band. E non è da intendere in senso malvagio, ma intimo. Si ascolta una sorta di sguardo interiore che sonda le giornate e il modo in cui queste sono riempite o svuotate dalle persone. Lo spazio di una finestra, di un corridoio evocano ricordi che ritornano più di quanto dovrebbero.

I Quercia si raccontano con sonorità emo che toccano la ferita aperta e creano un flusso che forse non trova una vera e propria fine. In dodici canzoni è difficile fare i conti con se stessi, con quelle cose che sono più grandi di noi. Come le torri.

Non è una novità che l’emo stia tornando con un suono rinnovato, “fresco” come direbbero alcuni. Termine brutto, diciamolo, ma purtroppo rende l’idea. E i Quercia sono la band che serviva a questo genere.

Quercia – “Di tutte le cose che abbiamo perso e perderemo”

Brian Alan Ellis and his “House of Vlad Productions”, home for writers

I read a lot, really. I have to know the author, when it’s possible, talk with him and discover his world. Well, it happens only when I feel a sort of empathy with the words impressed on the pages.

I found something i needed to know, to talk with.

Brian Alan Ellis is the founder of House of Vlad Productions, a little project that publish books of true lives. All of the titles are a sort of prays, screams against what they have around.

Here is the “punkness” of this little american reality.

BAEPhoto_SadLaughter_CCM

How was House of Vlad Productions born? In my early twenties I decided to publish these little chapbook zines of my writing. I was also living with my mom in south Florida, and playing in this death-rock band called Baby Dracula. House of Vlad was the imprint I used when I put out our demo tape, which I’d joke about because the singer for a band called Baby Dracula was living with his mom in a shitty duplex apartment in Coral Springs. Basically, House of Vlad was just a funny rib. I kept the name House of Vlad when publishing those zines and then decided to continue using it when I started doing books ten years later. Honestly, I wish I’d thought of a different name but I was lazy. Still pretty lazy.

Which is its purpose? There is no real purpose behind House of Vlad. I write and publish books because I don’t know what else to do in my spare time besides drink and get into trouble, which I still do my fair share of. HOV just keeps me doing less of the bad stuff. It’s nice to have projects.

What do it want to propose to the readers? I want HOV to give readers the idea that you can have fun with literature, that writing and publishing doesn’t have to be this stuffy, precious thing. I want the books to have a punk rock feel. I want publishing to be more like zine-making or blogging. I want University presses and academic institutions that put a chokehold on true creativity to take notice. Then I want them all to fuck right off.

Does this collective refer only to readers? I don’t use House of Vlad for anything else. Only the production of books. Next year I am going to drop “Productions” from the title and just put “Press.”

How many authors take part in this project? I started out just publishing my own stuff. Then I did a collaboration with my artist/musician buddy, Waylon Thornton (King Shit, 2014). Then I did a split book with him and the author Bud Smith (Tables without Chairs #1, 2015). Since then I have published two of my favorite authors: Noah Cicero and Sam Pink. I have two books coming out in 2019: Hotel Alexander by Rebekah Morgan, which is wonderful, and Pinky Soupy by Mary Moore Dalton, who narrated the audio version of my novel, Something to Do with Self-Hate. I am excited to finally be publishing female writers.

BAEBOOKZ

Do people read in America? I guess so. Literature and poetry is pressty niche. Young Adult, celebrity tell-alls, fantasy, and political thrillers are what sell the most here. I dont’t sell very many books.

Can House of Vlad have his own space in the American literary scene?  If I had a car I’d just sell HOV books from out of the trunk, but I don’t, so I use the Internet to sell books. I am not very interested in any kind of scene. I am more interested in the creative weirdos and outsiders who don’t fit within any particular box. Those are my peeps. HOV is the literary equivalent to a dirty old Screammask floating in a puddle of piss. It’s magical, really.

What do you think people need to read? People don’t need to read anything. Reading is entertainment. On a large scale, it’s not that important. Though, on a personal level, I feel reading has probably helped me become a better person, which is debatable. If anything, it has made me feel less alone. I think that’s what people need to read: shit that makes them feel less alone while also maybe inspiring them to do their own shit.

And do you know how the “literary scene” views your press? I know a lot of people who do their own press and/or journals. We support one another. We’re all drowning in this literary bullshit together. We’re all miserable but we’re also having a little fun sometimes, putting out good art. It’s all good.

Do you receive any criticism for this? Honestly, not really. HOV is still pretty under the radar. There is one writer guy named Atticus Davis who hates me and talks a lot of shit about me and my writing on the Internet, but that’s mainlyto do with me and not the actual press.

I find HOV really punk. Do you think it is easier to attract so-called “weirdos” people for your press? Yeah, pretty much the only people I associate with are troubled weirdos. People who are just a bit off mentally/emotionally/etc. etc. are the only people I can trust, through you shouldn’t really trust anyone. Trust maybe isn’t the word.

Please, start read them and visit their blog.

HOVCLAW

Brian Alan Ellis and his “House of Vlad Productions”, home for writers

Carlo Corallo, la Sicilia nei versi

0

Nei giorni scorsi ho letto qualcuno affermare che chi fa rap non può essere un cantautore perché non riuscirà mai a raccontare una storia in modo vero, poetico, intimo. Mi sono promesso che da grande non sarò mai come questo genere di persone.

Chiariamo. Sì, anche con il rap si può raccontare una storia che non contenga per forza sparatorie e borse piene di soldi. Anche con il rap si possono evocare immagini, luoghi, sapori e tradizioni che sono lontane dal nostro immaginario.

Una volta capito questo si può continuare.

Carlo Corallo torna con una nuova canzone dopo aver scritto un disco che continuo ad ascoltare e un EP dal titolo Dei Comuni con cui ho conosciuto una parte di Sicilia. Il Tradimento, canzone appena pubblicata, porta in tavola il sapore e il profumo degli agrumi e le chiacchiere dei paesani in lontananza che non tardano a dare la propria visione del mondo. E hanno ragione loro, dicono.

“Il Tradimento” è un titolo forte. A primo impatto sembra rimandare a una rottura, suona come se fosse irrecuperabile. Cosa ti ha portato a scrivere questo pezzo? Ho avuto l’imput iniziale per la scrittura de “Il Tradimento”, guardando il film “Le Fate Ignoranti” di Ferzan Özpetek. Da lì, ho deciso di creare una storia ambientata in Sicilia, in cui la moglie scopre il tradimento del marito da vari dettagli, quale l’assenza di alcune arance a tavola, alimento che il marito non puó mangiare. La donna, così, decide a sua volta di tradirlo con una collega. I rispettivi tradimenti creeranno un equilibrio nella coppia, più che una rottura. Il racconto si chiude chiedendosi se questo tipo di rapporto possa corrispondere all’amore vero, celando il dubbio in una similproposta di matrimonio. E questo forse è l’unico accenno ad una possibile rottura.

Ritorna la Sicilia e non fa solo da sfondo. Sembra agire, creare le situazioni che racconti. La nuova canzone continua un po’ il lavoro iniziato con “Dei Comuni“? Ho scelto la Sicilia come scenario perché in essa è presente ancora una grande cura della tradizione. Volevo paragonare l’amore tradizionale, ricco di valori e di anniversari, che potremmo definire “l’amore dei nostri nonni”, all’amore fast food di oggi, fatto di Tinder, di “ciao, grazie” e di razionalità. Personalmente, sono favorevole ad entrambe le formule, perché quando c’è affetto tra due persone va sempre bene, che duri mezz’ora o 30 anni. Mettere a confronto questi mondi così diversi è il vero fulcro del brano, da interpretare sia con serietà che ironia. Direi che il brano si distacca dai racconti precedenti di “Dei Comuni” in quanto a sound, ma in un certo senso ne rievoca i luoghi e le sensazioni in ambito descrittivo.

Farà parte di un lavoro più grande? Nel prossimo futuro mi dedicheró a fare uscire singoli, guidati da un unico filo conduttore: strumentali al pianoforte, caratterizzate da un suono più “orchestrale” e meno elettronico. Questa scelta rende maggiormente stimolante cimentarsi con la scrittura e con la tecnica in particolare, essendo più difficile scrivere slegandosi da una batteria che scandisce il tempo, tipica dei pezzi rap. Esprimersi in questo modo rende la parte rappata, quasi parlata e ció facilita l’ascoltatore nella comprensione. È come se un amico gli raccontasse una storia di persona. Potrebbe essere interessante riunire questi pezzi in futuro.

Ascoltate “Il Tradimento”. E dite agli amici che il rap non è solo un video fatto bene su YouTube.

 

Carlo Corallo, la Sicilia nei versi