Claver Gold – “Requiem”

23231261_1778218448885974_497445985373370845_n

La musica evolve, nel bene e nel male, ma sembra che per molti questo non sia del tutto chiaro e faticano a farsene una ragione. Ciò avviene in tutti i generi musicali, forse nel gospel ancora no.

Parliamo di rap, ancora. Negli ultimi anni, vuoi per il cambio generazionale o per un discorso di tendenza, l’attitudine in questo genere sembra essersi completamente stravolta. Anche il modo di comunicare ha subìto mutazioni, piccole o grandi che siano. Non si tratta, quindi, solamente di sonorità diverse e immagini nuove.

Tuttavia rimane ancora qualcuno che racconta di sé, senza dover creare un personaggio per vendere delle copie in più, per piacere ai ragazzini o per scatenare un “fenomeno” all’interno del genere. Si ritorna a parlare di Claver Gold.

A novembre 2017 è uscito il suo nuovo album, Requiem, un lavoro che segna una tappa fondamentale nel percorso artistico del rapper. Nelle canzoni che compongono il disco si incontra una grande maturità, stilistica e narrativa.

Già nei lavori precedenti, Claver si raccontava senza filtri, senza censure e lo faceva con un sapore letterario. I giorni passati, le dipendenze, le amicizie, la scena di anni prima vengono riportati con versi crudi, con immagini talvolta violente e, forse, rassegnate. L’occhio quasi neorealista si sposta su momenti che hanno segnato la sua personalità e inevitabilmente il suo approccio alla musica.

 

Per quanto riguarda i suoni, anche in questo disco si possono ascoltare diverse influenze che creano un’atmosfera di unità tra un pezzo e l’altro. Un filo comune collega tutte le canzoni in modo tale che nessuna stoni, che tutto scorra come in un flusso di coscienza. Vi sono suoni più classici ed altri accompagnati da una drumline più vicina alle nuove scuole, senza cadere in banalità o cliché.

Per chiudere, ma aspetto non meno importante, in “Requiem” vi sono feat giganti, con nomi rilevanti, sia mc che beatmaker. Fabri FibraGhemonLord BeanRancore sono solo alcuni tra coloro che hanno dato un contrubuto importante per la realizzazione di questo album, un capolavoro.

Chi dice che l’hip-hop è morto non ha capito un cazzo.

Annunci
Claver Gold – “Requiem”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...