Edward In Venice, tra festival e studio

Succede che vai ad un festival e leggendo la line-up scorgi qualche nome che probabilmente ha visto le tue stesse strade, ha suonato nei locali che frequenti e magari ha condiviso le tue stesse serate. Vedi questi ragazzi sul palco, ai banchetti del merch, vicino al proprio van che parlano con tutti e tutto diventa più familiare, inizi a sentirti parte di qualcosa.

Filippo è la voce degli Edward In Venice e quest’anno sono stati tra le band che si sono esibite sul main stage dell’ormai affermato Punk Rock Holiday. Non c’era mai stato prima, si parla di tour importanti, di nuovi progetti e ne è davvero contento. E chissà cosa vuol dire essere protagonista di qualcosa di così grande.

Quest’anno avete suonato sul palco principale del Punk Rock Holiday. Come avete vissuto questa esperienza? Avevate mai partecipato prima, come pubblico o come band? E’ stato uno show da paura, volevamo pestare quel palco già da tempo e finalmente è arrivato. Inutile dire che l’atmosfera di Tolmin è surreale quando si accendono i riflettori sugli stage, le band si amalgamano al pubblico e via parte lo show che non dimentichi. Esperienza davvero superlativa, prima esperienza sia come pubblico che band; non so quante persone ci fossero di preciso ma vedere chi canta con te e chi vola in crowd surfing durante il tuo set ti regala tanto. Si dovrà rifare!

13938416_1287255614620470_6055489545134847935_n

Siete stati anche su altri palchi importanti, come quello del Groezrock. Cosa significa per voi suonare in queste situazioni? Cosa rende queste occasioni così speciali? Il bello del festival sta nel riuscire a raccogliere un largo bacino di persone/band/amici lontani che altrimenti non si ha l’occasione di vedere o condividere giornate come queste. Suonarci ti carica in maniera inspiegabile, i flyer che girano da mesi e mesi prima non fanno altro che aumentare l’energia che andrai a sprigionare su quei palchi. E’ un vero e proprio meeting internazionale per tutti noi amanti della scena. Diciamo che da bambino ti pisciavi addosso per l’arrivo di Babbo Natale, adesso c’è il fest.

Credi che anche in Italia si possano ricreare situazioni simili? Quali sono, secondo te, gli “ostacoli”? Assolutamente sì, sto vedendo nuove organizzazioni che stanno creando festival molto interessanti e in netta crescita anno dopo anno come BayFest Venezia HC giusto per citarne alcuni. Gli ostacoli sono il non crederci e non avere voglia.

Parlando di scena, come la vivete? A livello italiano ti sembra unita, attiva come quelle incontrate nelle vostre date all’estero? La viviamo in maniera molto naturale e attiva, tutte le amicizie che ci siamo fatti dal primo concerto le abbiamo mantenute negli anni creando sempre occasioni di ospitare o essere ospiti. A livello italiano penso che molte persone si sentano parte di una grande corsa all’ “oro che non c’è”.

Edward In Venice, il vostro ultimo album risale al 2015, attualmente siete a lavoro su qualcosa di nuovo? Siamo momentaneamente al lavoro su un nuovo capitolo della storia della band e uscirà in questo 2017.

Ripensando alla strada percorsa e ai dischi pubblicati, cosa c’è di diverso nel nuovo materiale? Ci sarà più dinamica, più struttura e più cura dei dettagli, meno influenze, ancora più concretezza e personalità.

Questi cambiamenti sono stati “studiati” o sono avvenuti in maniera naturale? Totalmente naturali, come gli arrangiamenti vocali a due voci anziché tre come fatto finora, inserendo un nuovo chitarrista proveniente da altre realtà musicali. Alcune sonorità stanno svoltando in maniera inedita. Studieremo soltanto quali tour fare prossimamente.

Come immagini il futuro della band? Penso che ci sia ancora una bella dose di carogna e voglia di strillare in giro, rompersi i culi sul van e dormire dove capita. Ci siamo già tolti diverse soddisfazioni e siamo sicuri che avremo modo di togliercene altre.

Questa è l’ennesima riprova che se qualcosa è fatto davvero con il cuore porterà risultati, anche se all’inizio non si smette mai di cadere, di rimanerci male o pensare di mollare. Che qualcosa si può muovere sotto, basta trovare la forza di farlo emergere. E intanto qui si aspetta il nuovo disco.

Annunci
Edward In Venice, tra festival e studio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...