Frana/Opiliones – Split

12625603_1318703718173903_1101835942_n

Ci sono quei momenti in cui ci si trova sulla stessa lunghezza d’onda, capita un po’ a tutti. Ebbene, lo stesso vale anche per le band. Live, serate, video sono solo alcune delle numerose collaborazioni che possono nascere tra queste. Una, in particolare, mi ha sempre affascinato. Si tratta del famoso “split album“. Mica basta inserire due o più gruppi nello stesso progetto così, a caso. E per fortuna non va sempre in quest modo.

Prendiamo ad esempio ciò che hanno proposto Frana ed Opiliones che, unendo le forze, riescono a sfornare un piccolo gioiello di quattro canzoni. Le sonorità affini fanno in modo che tutto scorra in maniera fluida, naturale e senza forzare troppo l’ascolto.

Il sipario si apre con due brani energici dei Frana, intitolati rispettivamente “Slumping at the rate of yawn” e “You’d be so scared on the Treno Fantasma“. Entrambe le tracce sono caratterizzate da una violenza emotiva, più che sonora. L’ascolto è curioso grazie al loro post-hardcore ed alle loro note. Discorso analogo per gli Opiliones, band che propone un punk-rock con influenze post-punk e hardcore. Si presentano con “No magic“, pezzo che illustra diverse questioni irrisolte, per poi passare a “STOA” al quale spetta il compito di chiudere il progetto. Nonostante il lavoro sia breve, entrambi i gruppi hanno dimostrato di saperci fare e creare delle buone aspettative per i loro lavori futuri. Ora bisogna solo pazientare e credere in questi ragazzi.

E un grande merito va sicuramente anche ad Alice Milani, artista che si è occupata dell’artwork cover con “Wislawa Szymbroska, si dà il caso che io sia qui“. Si parla di arte, su tutti i fronti.

Che poi sono anche queste le cose che mi piacciono della musica. Si tratta di qualcosa di più che va oltre il semplice suonare, di più di un concerto. Diventa come accorciare le distanze e trovarci tutti sotto lo stesso palco.

Annunci
Frana/Opiliones – Split

Un pensiero su “Frana/Opiliones – Split

  1. […] “Ci sono quei momenti in cui ci si trova sulla stessa lunghezza d’onda, Ebbene, lo stesso vale anche per le band. Prendiamo ad esempio ciò che hanno proposto Frana ed Opiliones che, unendo le forze, riescono a sfornare un piccolo gioiello di quattro canzoni. Le sonorità affini fanno in modo che tutto scorra in maniera fluida, naturale e senza forzare troppo l’ascolto. Il sipario si apre con due brani energici dei Frana, intitolati rispettivamente “Slumping at the rate of yawn” e “You’d be so scared on the Treno Fantasma“. Entrambe le tracce sono caratterizzate da una violenza emotiva, più che sonora. L’ascolto è curioso grazie al loro post-hardcore ed alle loro note. Discorso analogo per gli Opiliones, band che propone un punk-rock con influenze post-punk e hardcore. Si presentano con “No magic“, pezzo che illustra diverse questioni irrisolte, per poi passare a “STOA” al quale spetta il compito di chiudere il progetto. Nonostante il lavoro sia breve, entrambi i gruppi hanno dimostrato di saperci fare e creare delle buone aspettative per i loro lavori futuri. Ora bisogna solo pazientare e credere in questi ragazzi. E un grande merito va sicuramente anche ad Alice Milani, artista che si è occupata dell’artwork cover con “Wislawa Szymbroska, si dà il caso che io sia qui“. Si parla di arte, su tutti i fronti.” MICROCOSMO BLOG […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...