Kill Your Boyfriend – “The King Is Dead”

SHY021 front.jpg

Si aprono le danze e subito si avverte una sensazione di vertigine. Come quando anche il più leggero dei suoni diventa un’eco ossessiva e violenta al punto di rendere precario l’equilibrio. E si continua, a muoversi in uno spazio del quale si perde ogni riferimento, ogni sicurezza che appena un attimo prima era lì, presente. Tutti sembrano liberi, ma tu no. Sarebbe bello riuscire a ballare senza quei fantasmi che di tanto in tanto ti battono sulla spalla come a ricordare che si fa presto a rovinare un momento. Maledetti, i fantasmi.

Il malessere iniziale diventa più nitido, si mostra lentamente. La perdita, quella così intima e profonda da destabilizzare l’uomo e i suoi tentativi di entrare in contatto con gli altri. Inizia così una ricerca personale, un viaggio volto a lenire il dolore di quelle ferite che sembrano non cicatrizzarsi mai. E non si possono ignorare.

Questo straniamento gioca il ruolo di protagonista nel nuovo album dei trevigiani Kill Your Boyfriend, intitolato The King Is Dead. Si ascoltano in tutto dieci brani nei quali si incontrano accenti shoegaze, sonorità post-punknew wave e tracce di elettronica. Questo lavoro è stato concepito per la produzione in vinile e grazie a ciò è stato possibile distinguere il concept del disco in due diverse sfumature. Ciascun lato si apre con una sorta di intro che anticipa il mood delle canzoni a loro successive. “Deathlist I” sembra essere tranquilla nel suo disordine, più controllata ed ottimista rispetto a “Deathlist II“, la quale assume toni decisamente più cupi e decadenti. I brani seguenti rispecchiano questi due sentieri intrapresi contribuendo alla riuscita di un’atmosfera suggestiva. Due facce di una triste medaglia.

Quando si chiudono le danze il malessere non ti ha ancora abbandonato. Rimane lì, latente, pronto a ripresentarsi in quei momenti apparentemente sereni. Non sempre si riesce a ritrovare qualcosa che si è perso. E per quanto una persona si impegni a curare la ferita non riuscirà mai a nascondere la cicatrice. Il re è morto, ne arriverà un altro.

Annunci
Kill Your Boyfriend – “The King Is Dead”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...