Management Del Dolore Post-Operatorio – “I love you”

i-love-you-cover

Non ricordo con esattezza come ho conosciuto questo gruppetto. Probabilmente il loro nome è saltato fuori in una qualche serata o ad uno dei rari concerti che ci sono da queste parti. Poco importa, fatto sta che ho iniziato subito a seguirli.

Quando ti appassioni ad un gruppo nuovo devi un po’ ambientarti tra i loro vecchi lavori, tra i live che vorresti facessero nel tuo paesino e tra le interviste che hanno rilasciato, giusto per capirci qualcosa in più. Passato questo primo periodo non aspetti altro che un loro annuncio nel quale informano gli ascoltatori di una prossima uscita. Così aspetti quel momento e cerchi di rendere partecipi anche i tuoi amici al punto che ti paragonano alle fan di Justin Bieber. La bellezza della musica, che volete farci.

Esce il cd ed il gruppo decide di intitolarlo semplicemente I love you”. Ti chiudi in cameretta, lo ascolti e nasce un amore libero, come quello cantato dai giovani artisti e idealizzato dai poeti. E non chiedevi altro.

In totale sono undici brani che scorrono con estrema fluidità. Le danze si aprono con la voce melanconica di “Se ti sfigurassero con l’acido”, una sorta di manifesto poetico dell’album. Procedendo con l’ascolto dei brani si incontra quella travolgente anima rock ‘n’ roll che fa scatenare e cantare fino a perdere la voce. I testi dipingono la realtà così com’è, senza tanti giri di parole e con un’ironia tagliente. Emerge quella voglia di libertà assoluta, quasi adolescenziale tipica di chi non ascolta le voci comuni e vive da sé. Emerge quell’amore che rompe schemi, tradizioni e quei costumi che ormai sono diventati un po’ troppo stretti. Mica puoi continuare a far scegliere i vestiti alla mamma, no?

Undici canzoni, undici occasioni in cui si perde la voce come alla fine di un concerto. Un disco da avere, da vivere e da cantare nelle piazze. Questo album è destinato a lasciare una bella impronta nel panorama del rock italiano, non ci sono dubbi. E che “i moralisti si tappino le orecchie, non si scandalizzino le signorine per bene”, avvertiti.

Annunci
Management Del Dolore Post-Operatorio – “I love you”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...